Sostenibilità: l’Università del volontariato presenta il nuovo master

25 / 01 / 2023

Un percorso formativo rivolto a volontari, dipendenti e collaboratori di enti del terzo settore promosso dai Csv di Belluno Treviso, Bologna, Cosenza, Milano, Salerno, Ferrara Modena, in collaborazione con molti dei principali atenei italiani. Tra gli obiettivi: evidenziare il ruolo del terzo settore nel contrasto al cambiamento climatico e nella promozione di stili di vita sostenibili. La presentazione on line il 31 gennaio

Sarà presentata martedì 31 gennaio la nuova opportunità offerta dalla rete nazionale delle Università del Volontariato “Diventa parte della soluzione. Master in sostenibilità ambientale per il Terzo Settore” per dare un contributo a chi si interroga su come diventare parte attiva nella transizione ecologica.

A partire dai Fridays for future nel 2019 in poi, con le evidenze scientifiche sul surriscaldamento globale e gli sconvolgimenti climatici a cui si è assistito, negli ultimi anni l’attenzione per la questione è fortunatamente cresciuto nelle nostre comunità. Così come è aumentata quella di associazioni, amministratori pubblici, imprese, scuole e del mondo della finanza. Un tema, dunque, che pone nuove sfide anche a chi opera nel mondo del terzo settore.

Il master, rivolto a volontari, dipendenti e collaboratori di Ets, punta in primo luogo a sottolineare il ruolo del terzo settore nel contrasto al cambiamento climatico e nella promozione di stili di vita sostenibili, nonché nel facilitare il confronto tra le organizzazioni, il volontariato tradizionale e le forme spontanee di attivismo ecologista, evidenziando punti di contatto e promuovendo le alleanze necessarie a produrre un cambiamento culturale.

Gli obiettivi sono anche quelli di favorire l’assunzione di responsabilità nell’essere interpreti di uno stile di vita attento all’ambiente, sensibilizzare il terzo settore ai grandi temi dei cambiamenti climatici dovuti all’utilizzo di combustibili fossili e favorire l’adozione di comportamenti volti a ridurne l’impatto ambientale.

L’iniziativa è promossa dai Centri di servizio coinvolti nel progetto dell’Università del volontariato, quelli di Belluno Treviso, BolognaCosenzaMilanoSalernoFerrara Modena, e vede la collaborazione dei seguenti atenei: Università Ca’ Foscari, Università della Calabria, Università di Bologna, Università di Ferrara, Università di Modena – Reggio Emilia, Università IULM, UN-Guru.

Il percorso si articola in 5 moduli, per una durata complessiva di 38 ore. La lezione introduttiva si terrà il 15 febbraio, mentre i successivi incontri si svolgeranno il martedì o il giovedì pomeriggio.

La presentazione è prevista il 31 gennaio, alle 17.30 on line e si aprirà con i saluti istituzionali dei Csv promotori, a cui seguirà una lectio magistralis di Stefano Caserini, ricercatore nel settore dell’inquinamento dell’aria e nelle strategie di riduzione dei gas climalteranti e docente al Politecnico di Milano e una tavola rotonda di presentazione del master.

Fonte: CSVNet

 

Ultime notizie

IL VOLONTARIATO CASERTANO: CARATTERISTICHE E SPECIFICITÀ

“Il Volontariato Casertano: caratteristiche e specificità” è una ricerca promossa dal CSV ASSO.VO.CE. ETS per costruire una fotografia aggiornata del Volontariato casertano, alla luce delle trasformazioni in atto (dalla Riforma del Terzo Settore all’operatività del...

BENI CONFISCATI E BENI COMUNI: ONLINE L’AGGIORNAMENTO DATI 2024

Anche nel 2024 il CSV ASSO.VO.CE. ETS ha rinnovato il proprio impegno Il CSV ASSO.VO.CE. ETS rinnova il proprio impegno sul tema dei beni comuni e dei beni confiscati. È online sul sito del Centro di Servizio per il volontariato della provincia di Caserta...

PROGETTI DI ADOZIONE SOCIALE PER LE VITTIME DI USURA

La Direzione Generale 6009 - Ufficio per il federalismo e dei sistemi territoriali e della sicurezza integrata della Regione Campania, ha approvato una nuova procedura telematica per presentare la proposta progettuale per l’Avviso Pubblico “Progetti di Adozione...

Skip to content