Raccolta fondi degli enti del Terzo settore: pubblicate le linee guida

14 / 06 / 2022

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Orlando ha firmato il documento che ne definisce finalità, modalità e tecniche. In allegato anche lo schema di rendiconto e la relazione illustrativa

Arrivano finalmente le Linee guida in materia di raccolta fondi degli enti del Terzo settore. Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Andrea Orlando, infatti, ha firmato il decreto che le adotta così come previsto dal codice del Terzo settore (art. 7 comma 2 del dlgs n. 117 del 3 luglio 2017), completo di schema di rendiconto e relazione illustrativa. Da oggi, quindi, gli enti del Terzo settore (Ets) hanno uno strumento di orientamento in una delle attività più diffuse, quella della raccolta fondi, per migliorare il rapporto di fiducia tra i cittadini e gli enti stessi.

Un documento “aperto” e rivolto a tutti

Gli indirizzi ministeriali sono stati pensati come un documento “aperto” da cui sviluppare eventuali spunti di riflessione che dovessero emergere dalla raccolta ed elaborazione di buone prassi da parte dei soggetti pubblici e privati coinvolti nell’attività di raccolta fondi.

Le linee guida sono uno strumento di riferimento per tutte le tipologie di enti del Terzo settore, al i là della loro forma giuridica., dimensione, missione, attività e classificazione. Un unico riferimento per tutti, quindi, per conformare le attività di raccolta fondi ai principi di verità, trasparenza e correttezza, richiamati espressamente dall’art. 7 del Codice.

Modalità e tecniche di raccolta fondi

Secondo la norma, gli Ets possono realizzare attività di raccolta fondi, anche in forma organizzata e continuativa, mediante sollecitazione al pubblico o attraverso la cessione o erogazione di beni o servizi di modico valore, impiegando risorse proprie e di terzi, inclusi volontari e dipendenti.

La raccolta può essere sia privata (indirizzata al singolo potenziale donatore) sia pubblica e in caso di sollecitazione rivolta al pubblico, gli Ets dovranno attenersi al rispetto dei principi esplicitati nelle linee guida. Gli Ets che svolgono questo tipo di attività sono sottoposti a precisi obblighi di rendicontazione, diretti a tutelare la fede pubblica, garantire trasparenza alle attività e consentire agli organi competenti la vigilanza.

Quanto alle tecniche della racconta fondi, le linee Guida delineano un quadro di massima, non esaustivo né cogente, mediante cui procedere alla raccolta fondi:

  • il Direct mail;
  • il Telemarketing;
  • il face-to-face;
  • il Direct response television;
  • eventi, anche di piazza;
  • il merchandising;
  • i salvadanai;
  • tramite imprese for profit;
  • attività di sostegno a distanza;
  • i lasciti testamentari;
  • numerazioni solidali;
  • donazioni online.

Fonte: articolo di Lara Esposito per Cantiere Terzo Settore

Ultime notizie

Corso avanzato di Progettazione sociale

Fino al 5 luglio è possibile iscriversi al corso formativo di livello avanzato “Tecniche e metodi per progettare nel sociale”. Il corso, organizzato in modalità residenziale, avrà una durata di 20 ore e si svolgerà nelle giornate del 8 e 9 luglio. L’obiettivo del...

Aversa Pride 2022

L’Aversa Pride 2022 nasce dal coordinamento provinciale delle associazioni e dei gruppi organizzati che operano per il riconoscimento dei diritti, la lotta alle discriminazioni di ogni genere, la rivendicazione della parità di tutte e per tutte le persone. Aversa...

Parte il secondo ciclo formativo di Co-progetta

Prosegue, con un secondo ciclo di 12 webinar, il percorso formativo che il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali e Anci, avvalendosi della collaborazione delle sue Fondazioni Cittalia e Ifel, stanno realizzando nell’ambito  del Pon Inclusione su “Le...

Skip to content