OTTO PER MILLE A GESTIONE DIRETTA STATALE – ANNO 2024

SCADENZA: 30/09/2024

ENTE DI RIFERIMENTO: Presidenza del Consiglio dei ministri 

L’otto per mille a diretta gestione statale è la quota del gettito Irpef che ogni cittadino contribuente può scegliere di destinare allo Stato in sede di dichiarazione dei redditi.

AZIONI FINANZIABILI

Per l’anno 2024 sono ammessi alla ripartizione della quota dell’otto per mille a diretta gestione statale gli interventi straordinari per le seguenti categorie:

  • Assistenza ai rifugiati e ai minori stranieri non accompagnati: gli interventi devono essere diretti ad assicurare a coloro cui sono state riconosciute, secondo la normativa vigente, forme di protezione internazionale o umanitaria, l’accoglienza, la sistemazione, l’assistenza sanitaria e i sussidi previsti dalle disposizioni vigenti.
  • Calamità naturali:gli interventi devono consistere nella realizzazione di opere, lavori, studi, monitoraggi finalizzati alla tutela della pubblica incolumità da fenomeni geomorfologici, idraulici, valanghivi, meteorologici, di incendi boschivi e sismici, nonché al ripristino di beni pubblici;
  • Fame nel mondo:gli interventi devono essere diretti alla realizzazione di progetti finalizzati all’obiettivo dell’autosufficienza alimentare nei Paesi in via di sviluppo, nonché alla qualificazione di personale locale;
  • Conservazione di beni culturali: gli interventi devono essere rivolti al restauro, alla valorizzazione, alla fruibilità da parte del pubblico di beni immobili o mobili, anche immateriali, che presentano un particolare interesse, architettonico, artistico, storico, archeologico, etnografico, scientifico, bibliografico e archivistico, ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio;
  • Recupero delle tossicodipendenze e delle altre dipendenze patologiche (nuova categoria): azioni nell’ambito della cura e riabilitazione dei soggetti cui sono state riconosciute forme di dipendenza patologica, nonché il loro inserimento e reinserimento sociale e lavorativo.

Anche per l’anno 2024, le istanze attinenti alla categoria “Edilizia scolastica” NON potranno essere presentate in quanto gli interventi sono gestiti direttamente dal Ministero dell’Istruzione (informazioni disponibili al link: https://www.istruzione.it/edilizia_scolastica/fin-8-x-mille.shtml).

Gli interventi ammissibili alla ripartizione della quota dell’otto per mille a diretta gestione
statale devono presentare il carattere della straordinarietà, consistente nella effettiva
estraneità rispetto all’attività di ordinaria e corrente cura degli interessi coinvolti nei settori
indicati. Deve, pertanto, trattarsi di interventi non compresi nella programmazione e non
contemplati nella destinazione delle risorse finanziarie ordinarie.

Gli interventi – fatta eccezione per quelli destinati al contrasto alla fame nel mondo – devono essere eseguiti sul territorio italiano.

ENTI AMMISSIBILI

Possono presentare domanda, le pubbliche amministrazioni, le persone giuridiche e gli enti pubblici e privati. I soggetti richiedenti, diversi dalle pubbliche amministrazioni, possono accedere alla ripartizione della quota solo se in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento delle imposte, delle tasse e delle assicurazioni sociali, nonché, nei casi previsti dalla legge, all’applicazione dei contratti collettivi nazionali di lavoro;
  • non essere incorsi nella revoca, totale o parziale, di conferimenti di quote dell’otto per mille negli ultimi cinque anni;
  • agire in base a uno statuto che comprenda tra le finalità istituzionali gli interventi attinenti la tipologia per la quale si chiede il contributo;
  • essere costituiti ed effettivamente operanti da almeno tre anni;
  • non essere stati dichiarati falliti o insolventi;
  • avere individuato un responsabile tecnico della gestione dell’intervento in possesso dei titoli di studio e professionali necessari per l’esecuzione dell’intervento;
  • avere le capacità finanziarie di cui alla dichiarazione rilasciata da Istituto bancario;
  • non avere riportato condanna, ancorché non definitiva, o l’applicazione di pena concordata per delitti non colposi, salva la riabilitazione.

DOTAZIONE FINANZIARIA DISPONIBILE

La ripartizione della quota dell’otto per mille Irpef per l’anno 2024 è riferita alle scelte effettuate dai contribuenti con le dichiarazioni presentate nell’anno 2021, riferite ai redditi prodotti nell’anno 2020.

Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 13 dicembre 2023, di approvazione del bilancio di previsione della Presidenza del Consiglio dei ministri per l’anno finanziario 2024, è stata fissata la dotazione del competente capitolo di spesa (cap. 224) in euro 62.029.133,00.

ENTITÀ DEL CONTRIBUTO

Non è indicato un minimo/massimo contributo richiedibile. Nelle Relazioni al Parlamento che vengono presentate annualmente si può consultare l’elenco dei progetti beneficiari del contributo (con l’ammontare dello stesso).

MODALITÀ E PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE

La domanda di finanziamento deve essere obbligatoriamente presentata entro e non oltre il termine del 30 settembre 2024 mediante inserimento sulla piattaforma https://www.ottopermille.governo.it. La domanda – redatta sull’apposita modulistica – può essere presentata anche mediante trasmissione PEC to PEC all’indirizzo ottopermille.dica@pec.governo.it oppure a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Link alla pagina dedicata all’otto per mille a gestione diretta statale sul sito della Presidenza del Consiglio

Guida alla presentazione della domanda per l’anno 2024

Parametri di valutazione dei progetti per l’anno 2024

Modulistica

Beneficiari e relazioni al parlamento

Ultime notizie

IL VOLONTARIATO CASERTANO: CARATTERISTICHE E SPECIFICITÀ

“Il Volontariato Casertano: caratteristiche e specificità” è una ricerca promossa dal CSV ASSO.VO.CE. ETS per costruire una fotografia aggiornata del Volontariato casertano, alla luce delle trasformazioni in atto (dalla Riforma del Terzo Settore all’operatività del...

BENI CONFISCATI E BENI COMUNI: ONLINE L’AGGIORNAMENTO DATI 2024

Anche nel 2024 il CSV ASSO.VO.CE. ETS ha rinnovato il proprio impegno Il CSV ASSO.VO.CE. ETS rinnova il proprio impegno sul tema dei beni comuni e dei beni confiscati. È online sul sito del Centro di Servizio per il volontariato della provincia di Caserta...

PROGETTI DI ADOZIONE SOCIALE PER LE VITTIME DI USURA

La Direzione Generale 6009 - Ufficio per il federalismo e dei sistemi territoriali e della sicurezza integrata della Regione Campania, ha approvato una nuova procedura telematica per presentare la proposta progettuale per l’Avviso Pubblico “Progetti di Adozione...

Skip to content