La FISH si appella al Governo sul reddito di Cittadinanza per le persone con invalidità

06 / 04 / 2022

La FISH si appella al Governo per un urgente intervento normativo riguardo alla rimozione degli effetti dell’incremento cd “al milione” delle pensioni di invalidità sul reddito di cittadinanza.

Nel corso di questi ultimi mesi, ed in principal modo dal 27 gennaio 2022, si sono moltiplicate le segnalazioni arrivate alla scrivente Federazione da parte di molte famiglie con persone con disabilità all’interno del loro nucleo familiare che hanno notevoli problemi finanziari e che risultano avere diritto sia alla pensione di invalidità che al Reddito di Cittadinanza, a seguito all’avvenuta decurtazione da parte dell’INPS delle somme da esse percepite ed in altri, all’azzeramento totale, del Reddito di Cittadinanza.

La problematica è stata dettata dall’aumento delle pensioni di invalidità a seguito della Sentenza 152/20 della Corte Costituzionale che ha portato ad un aumento variabile dei suddetti emolumenti percepiti da invalidi civili totali, ciechi civili assoluti e sordi.

Tale incremento, allo stato, non avendo natura prettamente assistenziale, non solo concorre al calcolo ISEE ma soprattutto riverbera i suoi effetti sulla erogazione del reddito di cittadinanza nella misura in cui esso rileva ai fini della determinazione del reddito familiare.

Per effetto di ciò, moltissime famiglie al cui interno vi sono percettori della pensione di invalidità civile “maggiorata”, si sono visti decurtare o addirittura azzerare il reddito di cittadinanza in ragione per l’appunto dell’incidenza del c.d. “incremento al milione” sul reddito familiare complessivo. Risulta pertanto essenziale modificare i parametri per la concessione del reddito di cittadinanza alla luce dell’aumento delle pensioni di invalidità.

Tali assunti giuridici erano stati già oggetto di una proposta di emendamento che la FISH aveva proposto tramite il Decreto sostegni ter. Benchè tale emendamento sia stato respinto, la Federazione ora si appella, chiedendo il sostegno di tutte le cittadine ed i cittadini con disabilità e le loro famiglie affinchè i benefici incrementali della pensione di invalidità non vengano considerati ai fini del rispetto dei requisiti reddituali e patrimoniali necessari alla percezione del Reddito di Cittadinanza.

FIRMA ANCHE TU

Ultime notizie

JE STO VICINO A TE: EVENTO FINALE IL 25 GIUGNO A CAIVANO

CAIVANO - Martedì 25 giugno alle 18:00 presso la Parrocchia S. Pietro Apostolo in Via Don Minzoni 2 a Caivano, si svolgerà l’evento finale del progetto Je sto vicino a te. Il convegno e la festa di chiusura del progetto si aprirà con gli interventi di Lucia Fortini -...

Rinviata al 19 settembre la scadenza per il titolare effettivo

Il nuovo termine per la comunicazione coinvolge anche il Terzo settore ed è stato fissato da un’ordinanza del Consiglio di Stato, sospendendo la sentenza del Tribunale del Lazio che aveva ripristinato la data dell’11 maggio come data ultima per procedere Con...

RISCHIO BLOCCO PROGETTI DI VITA FINANZIATI CON IL DOPO DI NOI

Sono ormai trascorsi 6 anni dalla pubblicazione del decreto dirigenziale n. 2 del 12/01/2018, che approvò l'avviso pubblico per la selezione di progetti personalizzati per il “Dopo di Noi, che hanno dato la possibilità a molte persone con disabilità e alle loro...

PRESENTAZIONE BANDO “EVADO A LAVORARE”

Mercoledì 26 giugno alle ore 17, il CSV Asso.Vo.Ce. ETS promuove un incontro di presentazione del bando “Evado a lavorare” promosso dalla Fondazione CON IL SUD per il reinserimento socio-lavorativo di persone detenute. L’incontro si svolgerà tramite piattaforma Zoom...

Skip to content