Gioco d’azzardo: al Comune di Caserta, un incontro tra associazioni e istituzioni

04 / 03 / 2022

Si è tenuto stamane nella Sala Giunta del Comune di Caserta un incontro chiesto dal Coordinamento Campano “Mettiamoci in gioco” unitamente al Forum Provinciale del Terzo Settore di Caserta con il Sindaco Marino, anche nella sua funzione di Presidente dell’ANCI Campania.

Obiettivo dell’incontro: esaminare l’applicazione del Regolamento sale da gioco del Comune di Caserta – approvato con Delibera del Consiglio n.57 del 10.07.2018 – tenuto conto che, a due anni dall’adozione della legge regionale n. 2 del 2 marzo 2020 dal titolo “Disposizioni per la prevenzione e la cura del disturbo da gioco d’azzardo e per la tutela sanitaria, sociale ed economica delle persone affette e dei loro familiari”, non decolla ancora la costituzione dell’Osservatorio regionale; concertare un’azione comune con l’ANCI Campania, per arginare questo drammatico problema.

Alla riunione erano presenti i rappresentanti del Coordinamento Campano nelle persone di Anna Cigliano, Pasquale Riccio, Tina Caputo e Pasquale Iorio; per il FTS di Caserta il Portavoce Michele Zannini e Gennaro Castaldi; per l’Amministrazione Comunale il Sindaco Carlo Marino e l’Assessore alla Cultura ed al diritto della Salute Vincenzo Battarra.

Hanno introdotto l’incontro i componenti del Coordinamento, Cigliano, Riccio e Caputo mettendo in evidenza come il gioco d’azzardo è diventato un fenomeno di massa e rappresenta la seconda industria nel nostro Paese, con ricadute sempre più preoccupanti sul tessuto socio-economico del nostro fragile territorio. Sono state evidenziate alcune criticità presenti nella legge che vanno necessariamente affrontate viste le diverse caratteristiche dei Comuni della regione Campania, e che si esaminare in un prossimo incontro da realizzarsi presso l’ANCI regionale.

In questo periodo di Covid l’azzardo ha registrato una crescita del 67% nelle giocate online, e la Campania detiene questo primato nelle regioni d’Italia.

Il Sindaco Marino si è mostrato particolarmente sensibile su questo tema che sconvolge intere famiglie, nella consapevolezza che occorre rivedere i regolamenti comunali alla luce della nuova normativa regionale ma, soprattutto, che è necessario effettuare una massiccia opera di informazione e sensibilizzazione a tutti i livelli, a partire dalle scuole, per fare un’opera di prevenzione rispetto ad un fenomeno che ha raggiunto livelli estremamente preoccupanti. Il Comune di Caserta ha inaugurato sul proprio territorio in un bene confiscato sito a Via degli Oleandri, un Centro di cura diurno dell’ASL di Caserta che ospita iniziative di contrasto alle dipendenze comportamentali, a partire dal Disturbo da Gioco d’Azzardo patologico (DGA).

L’incontro termina con l’impegno comune di rivedersi ad un tavolo di confronto dell’ANCI Campania per elaborare proposte utili da sottoporre all’attenzione della Regione Campania nel costituendo Osservatorio.

Fonte: Comunicato stampa

Ultime notizie

Premio mutualità – bando 2024

Il Premio Mutualità vuole sensibilizzare l’opinione pubblica nazionale sul significato, l’agire e l’efficacia del modello mutualistico quale modello economicamente e socialmente sostenibile, alternativo – ma non antagonista – a quello capitalistico come...

Bando buone pratiche: “La musica che fa bene ai bambini”

Il Bando buone pratiche: “La musica che fa bene ai bambini” si rivolge ad Enti del Terzo Settore e associazioni che operano per i bambini da 0 a 15 anni nelle seguenti tre aree di intervento: AREA CURA di malattie, infermità e disabilità: riteniamo...

Bando “Sfide ambientali” di ACRA

Il bando "Sfide Ambientali" -inserito all’interno del progetto “Climate Change? We Act The Change!” promosso da ACRA con il sostegno dei fondi Otto per Mille dell’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai – si rivolge ad associazioni giovanili attive in ambito...

Avviso pubblico Misure di conciliazione famiglia – lavoro

La Regione Campania attraverso l'Avviso Pubblico "Misure di conciliazione famiglia – lavoro" intende contribuire in maniera significativa al rafforzamento delle iniziative di welfare aziendale e di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro delle donne ampliando...

Skip to content